• Obesity Day: sono 17 milioni gli italiani a dieta!

Obesity Day: sono 17 milioni gli italiani a dieta!

Nella settimana dell’Obesity Day e della campagna nazionale contro l’obesità arrivano dati davvero sorprendenti (ma non per tutti) sull’obesità nel nostro Paese e anche sul numero di italiani che al momento sono al momento a dieta. Ebbene sono ben 16,9 milioni, quasi 17 milioni (!) gli  italiani che seguono un percorso di dimagrimento e 7,7 milioni che sono coloro che dichiarano di farlo regolarmente.

 

I dati riportati sono stati raccolti ed analizzati dalla Coldiretti che ha rilevato una percentuale del 10,4 per cento di obesi ed un preoccupante 26,9 per cento di adolescenti in eccesso di peso. A determinare questi numero avrebbe contribuito, secondo Coldiretti, anche la crisi ed il conseguente calo di acquisti di frutta e verdura del 20 per cento dal 2007, scendendo di ben oltre i limiti minimi raccomandati dall’Oms. Dal rapporto Istat/Cnel risulta che solo il 18,4 per cento della popolazione consumerebbe almeno quattro porzioni tra frutta, verdura e legumi freschi con un calo preoccupante soprattutto tra i bambini.

Insomma, come al solito i dati che arrivano (da una fonte come da un’altra), non sono mai incoraggianti e la tendenza non sembra invertirsi. Non possiamo che chiederci come mai siano così tanti, ben 17 milioni, gli italiani a dieta e perché nonostante questo le percentuali di obesità siano ancora così alte. Le motivazioni possono essere varie, intanto bisognerebbe capire a “quali diete” in tanti italiani si affidano… Considerato il documentato calo nel consumo di frutta e verdura, non è improbabile che molte delle diete seguite dagli italiani siano sbagliate e per giunta non efficaci altrimenti non leggeremmo questi numeri.

Abbiamo sempre sottolineato al CMSO la valenza della nostra Dieta Mediterranea sia in chiave preventiva che curativa di malattie come l’obesità. Ora se questa tipologia di alimentazione prendessere realmente piede in italia, sostituendo diete modaiole e abitudini sbagliate, con gli anni ci troveremmo sicuramente di fronte a ben altri risultati.

Nessun Commento