Diabete: complicanze e rischi maggiori per le donne?

Postato da on gennaio 31, 2016 in Complicanze, Diabete | 0 commenti

Il Diabete fa differenze di genere? In realtà, nel caso specifico del Diabete di Tipo 2, bisognerebbe rispondere affermativamente perché sarebbe il sesso femminile quello più esposto ai rischi delle complicanze, soprattutto quelle di carattere cardiovascolare. Uno studio validato dall’American Heart Association pubblicato su Circulation mette in luce questo aspetto ed il forte pericolo di attacchi cardiaci per le diabetiche.

 

 

Si ha spesso la tendenza a pensare che siano gli uomini a doversi preoccupare e invece il Diabete, malattia silente, colpisce indistintamente maschi e femmine, anzi per queste ultime le criticità con il tempo finiscono per aumentare. Gli studiosi spiegano questa differenza con la circostanza che i test dei farmaci siano compiuti su individui di sesso maschile. Per tale motivo si consigliano terapie sempre più specializzate e personalizzate che siano ritagliate intorno alle esigenze dei pazienti e che tengano conto di tutti i fattori, incluso quello del sesso. Molte donne hanno mettono in secondo piano la cura di se stesse e trascurano la salute cardiovascolare pensando che malattie come l’ipertensione e lo stesso diabete siano malattie “da uomini”.

Prese dalla vita quotidiana e dai suoi ritmi frenetici tante mamme e nonne ma anche tante giovani donne non contemplano l’idea di un check up diabetologico. Al CMSO in tempi brevissimi è possibile conoscere il proprio status di salute e la terapia più appropriata per risolvere eventuali problemi. Un Team specializzato di professionisti interviene per gestire al meglio le complicanze della malattia e prevenirle in maniera adeguata. Il tempo non deve essere dunque più una scusa: il check up diabetico è altrettanto importante come tutti gli altri esami di prevenzione. Una prevenzione che riguarda gli uomini come le donne, come tutti… Tutti al centro delle nostre cure.

Diabete: complicanze e rischi maggiori per le donne?

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>