Diabete e Obesità: per prevenirli sì all’esposizione solare

Postato da on ottobre 27, 2014 in Diabete, Stile di Vita | 0 commenti

L’esposizione alla luce solare è fondamentale, lo abbiamo sempre ricordato. Fare il pieno di vitamina D, ovviamente con le dovute precauzioni e negli orari consentiti, può essere anche un ottimo strumento di prevenzione nei confronti di malattie come diabete ed obesità. A sostenerlo è uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Diabetes.

 

I  ricercatori del Telethon Kids Institute e  di Southampton hanno studiato su alcune cavie “ipernutrite”  l’esposizione ai raggi UV ed hanno scoperto l’effetto di un rallentamento dell’aumento di peso. I topini meno esposti ai raggi UV invece mostravano valori anormali di glucosio anormali ed insulino resistenza, segni indicativi del possibile sviluppo del diabete. Secondo gli studiosi a determinare l’effetto benefico dei raggi solari sarebbe l’ossido nitrico, rilasciato dalla pelle dopo l’esposizione. L’effetto è stato confermato dall’applicazione di creme contenenti ossido nitrico che hanno determinato lo stesso effetto di rallentamento dell’aumento di peso. Il sole, secondo gli autori dello studio, avrebbe effetti anche sul regolamento del metabolismo, coinvolto in malattie come obesità e diabete.

L’invito alla cautela è sempre alto e non vanno dimenticati i tanti effetti negativi della sovraesposizione solare, ma una moderata esposizione quotidiana alla luce solare è vitale ed utile a prevenire non solo Diabete ed Obesità, ma anche malattie come l’osteoporosi. Ora che con il cambio di orario avete guadagnato al mattino qualche ora di luce in più, approfittatene per andare al lavoro o a scuola a piedi, unendo al salutare il pieno di vitamina D i benefici di una passeggiata.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>