Conosciamoci meglio: Dott.ssa Angela Chiaviello – Nutrizionista

Postato da on giugno 10, 2014 in Conosciamoci meglio | 0 commenti

Oggi nella rubrica “Conosciamoci Meglio” l’intervista alla Dott.ssa Angela Chiaviello, Biologa Nutrizionista del Centro Medico Specialistico Orio. La Dott.ssa Chiaviello ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Endocrinologia e oncologia molecolare presso l’Università di Napoli  Federico II ed ha un Master in Nutrizione Clinica.

 

Dottoressa, quali aspetti differenziano il CMSO da altri centri medici specialistici?

“La particolarità del CMSO è quella di seguire il paziente a 360°, in ogni suo bisogno senza “mai lasciarlo solo”. Non c’è solo la mia figura, quella del nutrizionista, ma anche l’Endocrinologo, il Diabetologo, il Personal Trainer… è davvero l’approccio “complessivo” a fare la differenza”.

 

Che ruolo ha la nutrizione nella prevenzione e nella cura delle malattie metaboliche?

“Sicuramente un ruolo di primo piano. La cosa più importante è alimentarsi ‘bene’ e non concentrarsi solo sulle quantità. Conta la qualità dei cibi che mangiamo ancor più del quantitativo, degli eventuali 60 g. di pasta assegnati. Andiamo ormai verso un mondo inquinato e quindi l’alimentazione di qualità è alla base della prevenzione delle malattie metaboliche che sono attualmente in aumento”.

 

In cosa consiste il nuovo approccio dietetico adottato al CMSO e quali risultati state ottenendo?

“Stiamo ottenendo ottimi risultati seguendo questo approccio dietetico con pazienti che hanno perso fino a 16 kili. Non è una dieta, è un percorso seguito dallo specialista (percorso nel quale sono assolutamente bandite barrette ipocaloriche e beveroni!) in grado di dare risultati in tempi brevi: 3-4 mesi in tutto. Nella prima fase si ha la perdita di peso (15-16 kg) poi si mantiene o si diminuisce il peso fino a tornare alla dieta normale. Stiamo facendo questa prescrizione medica ottenendo risultati significativi ed ottimi”.

 

Quali pregiudizi affliggono i pazienti diabetici ed i pazienti obesi quando vengono a contatto con il nutrizionista?

“Il primo pregiudizio dei pazienti diabetici è quello di pensare di non dover mangiare. Non è questione di quanto, ma di come mangiare. Spiego sempre ai pazienti diabetici che il Diabete è come una macchina nella quale non va né troppa né poca benzina e durante la giornata bisogna mangiare in maniera corretta. Tutti i pazienti, quelli diabetici ma anche i pazienti obesi, vanno ascoltati, capiti e va chiesto innanzitutto a loro cosa interessa. L’aspetto dell’ascolto dei pazienti è dunque fondamentale sia per chi ha il Diabete che per chi soffre di Obesità in maniera tale da vincere ogni tipo di pregiudizio”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>