La Scuola Medica Salernitana e le Stagioni

Postato da on settembre 25, 2013 in Scuola Medica Salernitana | 1 commento

Dopo la pausa di agosto, in molti consideriamo il mese di settembre come il “vero” inizio del nuovo anno, non solo lavorativo. Con l’autunno cambiano le nostre abitudini a tavola  e cambia anche il nostro umore. Come affrontare la nuova stagione? Influiscono i cambiamenti stagionali anche sulla nostra salute?

Scopriamo oggi la XIX Regola del Regimen Sanitatis Salernitanum dedicata proprio alle “Stagioni”.

 

XIX

 

DE TEMPORIBUS ANNI

 

Temporibus veris modicum prandere juberis;

Sed calor aestatis dapibus nocet immoderatis.

Autumni fructus caveas ne sint tibi luctus.

De mensa sume quantum vis, tempore brumae.

 

Nella bella Stagion di Primavera,

Fa che i tuoi prandi sien parchi, e frugali,

E sappi ancor, che nella calda State,

Nocivi sono i cibi immoderati,

Ma più nocivi ti saran que’ frutti 

Co’ quali ti lusinga Autunno adulto;

Allora poi, che giunge il pigro Verno,

Siedi senza timore a lauta mensa.

 

I Saggi della Scuola Medica ci forniscono un consiglio sullo stile di vita da adottare a tavola per ogni segmento dell’anno. Par quasi che dalla mite stagione sino al gelo dell’inverno il nostro pasto possa man mano “crescere”.

Infatti, se in primavera è bene mantenersi con un pranzo leggero (“che i tuoi prandi sien parchi, e frugali”), d’estate con il caldo è ancora più opportuno non alimentarsi con intingoli pesanti (“nella calda State, nocivi sono i cibi immoderati”). Ma sembrano esser ancora più nocivi i “frutti” raccolti a fine autunno (“più nocivi ti saran que’ frutti co’ quali ti lusinga Autunno adulto”) , e forse i Saggi si riferivano a quella frutta zuccherosa e ad alto indice glicemico propria di questo periodo (cachi, fichi, castagne, uva…). L’inverno è invece secondo gli Antichi Maestri il periodo in cui poter godere con più tranquillità delle gioie della tavola (“Siedi senza timore a lauta mensa“).

Non possiamo non essere d’accordo con i Saggi della Schola. L’autunno è sicuramente la stagione che fornisce la frutta più zuccherina e dunque più “pericolosa” – in un certo senso – per la salute, estate e primavera per via del caldo sono le stagioni nelle quali è meglio prediligere pasti freschi e frugali, mentre l’inverno, complice la bassa temperatura, si presta di più a sostenere contributi calorici più alti.

1 Comment

  1. Codesto intervento è assolutamente redatto nel migliore
    dei modi, come l’intero pagina web (http://blog.cmso.it) .

    Da frequente lettore, continuate così.

    leggi questo blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>