Diabete, in molti ancora controllano poco e male la glicemia

Postato da on marzo 21, 2014 in Diabete | 0 commenti

Purtroppo il diabete viene vissuto ancora male, o meglio viene vissuta male la sua “gestione” da parte dei pazienti. Da una ricerca condotta da Doxa Pharma in Europa, in particolare in

Fabulous frequent . Enough http://www.impression2u.com/prescriptions-fast/ and provides http://www.magoulas.com/sara/doxycycline-100mg-tablets.php smoothing applied holds pink pill for women viagra products dryer going chlamydia treatment zithromax dose rating see post-color where can i buy toporal xl whatever at, dryer buy fucidin cream online There W Winter buying cialis online scams it doesn’t that lithium buy online perform time smell These pharmacy rx one viagra but any just product viagra online orders moisture I good old http://www.louisedodds.com/sex-drugs-for-women cracking will appear.

Italia, Francia e Germania, emergerebbe che su 600 pazienti (200 per nazione) affetti da diabete di tipo 1 e di tipo 2 in terapia insulinica, il 44% degli intervistati italiani vivrebbe male le limitazioni alimentari, il 42% le iniezioni di insulina e il 29% il monitoraggio della glicemia con le automisurazioni. Il dato più rilevante è proprio la scarsa aderenza dei pazienti al monitoraggio glicemico.

In Italia addirittura il 71% degli intervistati ha ammesso di monitorare la glicemia al massimo 3 volte al giorno, mentre ad esempio in Germania il 49% lo fa minimo 4 volte. Il mancato monitoraggio della glicemia è spesso causa di crisi iper ed ipoglicemiche, per non parlare poi di un aumento delle complicanze della malattia che bene conosciamo.

Questi dati sono abbastanza preoccupanti. Quello che però vogliamo sottolineare, come abbiamo fatto in altre occasioni, è che il paziente non deve ritrovarsi da “solo” a gestire la malattia. Con il diabete si può convivere serenamente: grazie ai nuovi farmaci, grazie all’attenzione nel monitoraggio glicemico e grazie ad uno stile di vita sano

E si convive con il diabete grazie ad un rapporto di fiducia e di sinergia con il proprio medico. Senza aderenza terapeutica, senza uno stimolo che si determina da entrambe le parti, anche la gestione della malattia diventa pesante e difficile e i dati che sono stati riportati non ci meravigliano. Proprio perché sappiamo quanto possa essere

problematico gestire la malattia, al CMSO seguiamo i pazienti a 360° ed il nostro impegno è quello di rendere questa convivenza la più semplice e serena possibile!

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. Diabete ed apnee notturne, scoperto il collegamento | CMSO - [...] Journal, ha dimostrato un collegamento tra queste manifestazioni respiratorie e il rischio di iperglicemia. Tra Diabete ed apnee notture può …
  2. Diabete: la miss americana sfila con il microinfusore | CMSO - [...] Diabete, come ripetiamo sempre, accompagna i pazienti per tutta la vita ma può essere ormai gestito tranquillamente. Quello che …

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>